Trasparenza

Amministrazione Trasparente

IUC

 

ANUTEL

Fatturazione

Fatturazione Elettronica

Modulistica

modulistica

Delibere e Determine

delibere

 

Contatti mail

pec

Area riservata

area riservata

SUAP

 

suap

La Bussola

Dissesto Finanziario

DISSESTO

RSS di - ANSA.it

Galleria Fotografica

galleria

Titolo

cliclavoro

 

WebGis

 

webgis

 

Benvenuti nel sito istituzionale del

Comune di Cerisano

 

 

palazzo sersale

 ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

albo pretorio

MESSAGGI DEL SINDACO

AVVISO ASSESSORE ALLE POLITICHE SOCIALI

 AGEVOLAZIONI PER LA FREQUENZA DI ASILI NIDO PUBBLICI E PRIVATI 

 

   COMUNE DI CERISANO (COSENZA)

 

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI

Agevolazioni per la frequenza di asili nido pubblici e privati

 

 

L’Assessore alle Politiche Sociali,

comunica

Visto il  DPCM del 17 febbraio reca Disposizioni per l'attuazione dell'art.1, comma 355, della legge 232/2016 - Agevolazioni per la frequenza di asili nido pubblici e privati,  pubblicato, nella Gazzetta Ufficiale n.90 del 18 aprile, il DPCM del 17 febbraio 2017 che reca disposizioni per l'attuazione delle agevolazioni per la frequenza di asili nido pubblici e privati, in riferimento a quanto previsto dall'art.1, comma 355 della Legge di Bilancio 2017, secondo cui a partire dall'anno 2017, per ogni figlio nato o adottato a decorrere dal 1° gennaio 2016, sono attribuiti i seguenti benefici:

  1. buono annuo di 1.000 euro per il pagamento di rette relative alla frequenza di asili nido pubblici e privati: il buono, parametrato per ogni anno di riferimento a undici mensilità, è corrisposto dall'INPS tramite un pagamento diretto, con cadenza mensile, al genitore richiedente, fino a concorrenza  dell'importo massimo della quota parte mensile, dietro presentazione da parte dello stesso genitore della documentazione attestante l'avvenuto pagamento della retta per la fruizione del servizio presso l'asilo nido pubblico, o privato autorizzato, prescelto; 
  2. buono di 1.000 euro per l'introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione in favore dei bambini affetti da gravi patologie croniche: il contributo è corrisposto dall’INPS direttamente al genitore richiedente dietro presentazione da parte di quest'ultimo di un'attestazione rilasciata  dal  pediatra di libera scelta, sulla scorta di idonea documentazione, che attesti, per l’intero anno di  riferimento, l’impossibilità del bambino di frequentare gli asili nido in ragione di una grave patologia cronica.

 

 

Si specifica che possono richiedere i buoni sopracitati tutti i genitori che sostengono l'onere della retta, che siano conviventi con il figlio, residenti in Italia, di cittadinanza italiana, oppure di uno Stato membro UE oppure, se cittadino extracomunitario, in possesso di permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo di cui all'art.9 del D. Lgs. 286/1998 e s.m.i.

Per accedere ai benefici sopracitati, il genitore richiedente presenta domanda all'INPS tramite i canali telematici, indicando, al momento della domanda stessa, a quale dei due intende accedere.  

Per ciascun anno, a decorrere dall'anno 2017, le domande possono essere presentate entro il 31 dicembre

Agevolazioni per la frequenza di asili nido pubblici e privati

19 aprile 2017

La legge di bilancio 2017 (art. 1, comma 355, della legg 232/2017) ha introdotto, a decorrere dal 2017, l'erogazione di un buono di 1.000 euro su base annua, corrisposti in 11 mensilità, pari a circa 90,9 euro mensili, per il pagamento di rette relative alla frequenza di asili nido pubblici o privati (il contributo è erogato dall'INPS tramite un pagamento diretto, con cadenza mensile, al genitore richiedente, fino a concorrenza dell'importo massimo della quota parte mensile, dietro presentazione da parte dello stesso genitore della documentazione attestante l'avvenuto pagamento della retta per la fruizione del servizio presso l'asilo nido pubblico, o privato autorizzato, prescelto).

Il beneficio è anche utilizzabile per il supporto, presso la propria abitazione, dei bambini al di sotto dei tre anni affetti da gravi patologie croniche (il contributo è corrisposto dall'INPS direttamente al genitore richiedente dietro presentazione da parte di quest'ultimo di un'attestazione rilasciata dal pediatra di libera scelta, sulla scorta di idonea documentazione, che attesti, per l'intero anno di riferimento, l'impossibilità del bambino di frequentare gli asili nido in ragione di una grave patologia cronica).

Il buono è riferito ai nuovi nati a decorrere dal 1° gennaio 2016 e potrà essere percepito per un massimo di un triennio, visto che si riferisce alla platea dei bambini da 0 a 3 anni. 
Le 
modalità di attuazione sono state stabilite  dal D.p.c.m. 17 febbraio 2017 Disposizioni per l'attuazione dell'articolo 1, comma 355, della legge 11 dicembre 2016, n. 232 (legge di bilancio 2017) - Agevolazioni per la frequenza di asili nido pubblici e privati, pubblicato sulla G. U. n.90 del 18 aprile 2017 che ha specificato che:

 

 

 

 

·                                 il genitore richiedente deve essere in possesso della cittadinanza italiana, oppure di uno Stato membro dell'UE oppure, in caso di cittadino di Stato extracomunitario, permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo e deve essere residente in Italia;

·                                 per accedere al beneficio,  il genitore richiedente presenta domanda all'INPS tramite i canali telematici, indicando, al momento della domanda stessa, a quale fattispecie (pagamento retta asilo o supporto presso la propria abitazione)  intende accedere;

·                                 i benefici sono cumulabili con i voucher per l'acquisto di servizi di baby-sitting, ovvero con il contributo per fare fronte agli oneri della rete pubblica dei servizi per l'infanzia o dei servizi privati accreditati (l'articolo 1, commi 356 e 357, della legge 232/2016 ha prorogato per il biennio 2017-2018 il beneficio in questione sia per le lavoratrici dipendenti e iscritte alla Gestione separata - nel limite di spesa di 40 milioni di euro per ciascuno dei due anni - sia per le lavoratrici autonome e imprenditrici - nel limite di spesa di 10 milioni di euro per ciascuno dei due anni);

·                                 per ciascun anno, a decorrere dal 2017, le domande possono essere presentate entro il 31 dicembre e il beneficio è erogato, secondo l'ordine di presentazione telematica delle domande.  

                                                                                        L’Assessore alle Politiche Sociali

                                                                             Dott.ssa Elena GRECO

 

indietro

News del Comune di Cerisano

AVVISO ASSESSORE ALLE POLITICHE SOCIALI

 AGEVOLAZIONI PER LA FREQUENZA DI ASILI NIDO PUBBLICI E PRIVATI 

 

   COMUNE DI CERISANO (COSENZA)

 

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI

Agevolazioni per la frequenza di asili nido pubblici e privati

 

 

L’Assessore alle Politiche Sociali,

comunica

Visto il  DPCM del 17 febbraio reca Disposizioni per l'attuazione dell'art.1, comma 355, della legge 232/2016 - Agevolazioni per la frequenza di asili nido pubblici e privati,  pubblicato, nella Gazzetta Ufficiale n.90 del 18 aprile, il DPCM del 17 febbraio 2017 che reca disposizioni per l'attuazione delle agevolazioni per la frequenza di asili nido pubblici e privati, in riferimento a quanto previsto dall'art.1, comma 355 della Legge di Bilancio 2017, secondo cui a partire dall'anno 2017, per ogni figlio nato o adottato a decorrere dal 1° gennaio 2016, sono attribuiti i seguenti benefici:

  1. buono annuo di 1.000 euro per il pagamento di rette relative alla frequenza di asili nido pubblici e privati: il buono, parametrato per ogni anno di riferimento a undici mensilità, è corrisposto dall'INPS tramite un pagamento diretto, con cadenza mensile, al genitore richiedente, fino a concorrenza  dell'importo massimo della quota parte mensile, dietro presentazione da parte dello stesso genitore della documentazione attestante l'avvenuto pagamento della retta per la fruizione del servizio presso l'asilo nido pubblico, o privato autorizzato, prescelto; 
  2. buono di 1.000 euro per l'introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione in favore dei bambini affetti da gravi patologie croniche: il contributo è corrisposto dall’INPS direttamente al genitore richiedente dietro presentazione da parte di quest'ultimo di un'attestazione rilasciata  dal  pediatra di libera scelta, sulla scorta di idonea documentazione, che attesti, per l’intero anno di  riferimento, l’impossibilità del bambino di frequentare gli asili nido in ragione di una grave patologia cronica.

 

 

Si specifica che possono richiedere i buoni sopracitati tutti i genitori che sostengono l'onere della retta, che siano conviventi con il figlio, residenti in Italia, di cittadinanza italiana, oppure di uno Stato membro UE oppure, se cittadino extracomunitario, in possesso di permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo di cui all'art.9 del D. Lgs. 286/1998 e s.m.i.

Per accedere ai benefici sopracitati, il genitore richiedente presenta domanda all'INPS tramite i canali telematici, indicando, al momento della domanda stessa, a quale dei due intende accedere.  

Per ciascun anno, a decorrere dall'anno 2017, le domande possono essere presentate entro il 31 dicembre

Agevolazioni per la frequenza di asili nido pubblici e privati

19 aprile 2017

La legge di bilancio 2017 (art. 1, comma 355, della legg 232/2017) ha introdotto, a decorrere dal 2017, l'erogazione di un buono di 1.000 euro su base annua, corrisposti in 11 mensilità, pari a circa 90,9 euro mensili, per il pagamento di rette relative alla frequenza di asili nido pubblici o privati (il contributo è erogato dall'INPS tramite un pagamento diretto, con cadenza mensile, al genitore richiedente, fino a concorrenza dell'importo massimo della quota parte mensile, dietro presentazione da parte dello stesso genitore della documentazione attestante l'avvenuto pagamento della retta per la fruizione del servizio presso l'asilo nido pubblico, o privato autorizzato, prescelto).

Il beneficio è anche utilizzabile per il supporto, presso la propria abitazione, dei bambini al di sotto dei tre anni affetti da gravi patologie croniche (il contributo è corrisposto dall'INPS direttamente al genitore richiedente dietro presentazione da parte di quest'ultimo di un'attestazione rilasciata dal pediatra di libera scelta, sulla scorta di idonea documentazione, che attesti, per l'intero anno di riferimento, l'impossibilità del bambino di frequentare gli asili nido in ragione di una grave patologia cronica).

Il buono è riferito ai nuovi nati a decorrere dal 1° gennaio 2016 e potrà essere percepito per un massimo di un triennio, visto che si riferisce alla platea dei bambini da 0 a 3 anni. 
Le 
modalità di attuazione sono state stabilite  dal D.p.c.m. 17 febbraio 2017 Disposizioni per l'attuazione dell'articolo 1, comma 355, della legge 11 dicembre 2016, n. 232 (legge di bilancio 2017) - Agevolazioni per la frequenza di asili nido pubblici e privati, pubblicato sulla G. U. n.90 del 18 aprile 2017 che ha specificato che:

 

 

 

 

·                                 il genitore richiedente deve essere in possesso della cittadinanza italiana, oppure di uno Stato membro dell'UE oppure, in caso di cittadino di Stato extracomunitario, permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo e deve essere residente in Italia;

·                                 per accedere al beneficio,  il genitore richiedente presenta domanda all'INPS tramite i canali telematici, indicando, al momento della domanda stessa, a quale fattispecie (pagamento retta asilo o supporto presso la propria abitazione)  intende accedere;

·                                 i benefici sono cumulabili con i voucher per l'acquisto di servizi di baby-sitting, ovvero con il contributo per fare fronte agli oneri della rete pubblica dei servizi per l'infanzia o dei servizi privati accreditati (l'articolo 1, commi 356 e 357, della legge 232/2016 ha prorogato per il biennio 2017-2018 il beneficio in questione sia per le lavoratrici dipendenti e iscritte alla Gestione separata - nel limite di spesa di 40 milioni di euro per ciascuno dei due anni - sia per le lavoratrici autonome e imprenditrici - nel limite di spesa di 10 milioni di euro per ciascuno dei due anni);

·                                 per ciascun anno, a decorrere dal 2017, le domande possono essere presentate entro il 31 dicembre e il beneficio è erogato, secondo l'ordine di presentazione telematica delle domande.  

                                                                                        L’Assessore alle Politiche Sociali

                                                                             Dott.ssa Elena GRECO

 

indietro

Comune di Cerisano - Via S. Pietro 1  - 87044 Cerisano (Cs) - Tel. 0984473005/473289 - Fax 0984474746 - P.IVA 01109380780
 

HTML 4.01 Strict Valid CSS
Pagina caricata in : 0.156 secondi
Powered by Simplit CMS